Associazione culturale
COORDINAMENTO STORICI RELIGIOSI


Art. 1 - Denominazione e sede

Si costituisce l'associazione culturale privata, senza scopo di lucro, denominata Coordinamento Storici Religiosi (di seguito: CSR) con sede in Roma, presso il segretario pro-tempore.


Art. 2 - Finalità

Il CSR intende promuovere:
a) la ricerca scientifica nel campo della storia degli Istituti di vita consacrata e Società di vita apostolica (di seguito: Istituzioni);
b) la cultura storica all'interno e all'esterno delle Istituzioni;
c) l'elaborazione di prospettive storiografiche consone all'esperienza della Vita religiosa;
d) la qualità della formazione storica dei membri delle Istituzioni.


Art. 3 - Attività

Per conseguire le proprie finalità, il CSR progetta e realizza attività culturali, sia di carattere scientifico che divulgativo. In particolare:
a) promuove incontri ed iniziative per l'aggiornamento professionale dei soci (giornate di studio, seminari, congressi, ecc.);
b) favorisce la collaborazione fra i soci in ordine al metodo e al merito delle rispettive ricerche;
c) cura rapporti di collaborazione con enti e associazioni similari operanti in ambito ecclesiale e civile;
d) stimola la diffusione della ricerca storica e del patrimonio culturale delle singole Istituzioni;
e) offre consulenza di metodologia storica nel proprio ambito;
f) promuove l'adesione di nuovi soci con iniziative adeguate a qualificare la preparazione degli interessati e delle interessate;
g) diffonde esiti e comunica prospettive delle proprie attività;
h) sostiene altre iniziative ritenute idonee al raggiungimento delle proprie finalità.


Art. 4 - Membri

Sono soci del CSR:
a) i membri di Istituti e Centri culturali costituiti all'interno delle Istituzioni;
b) le persone incaricate di attività attinenti alla dimensione storica della propria Istituzione;
c) gli studiosi e le studiose che svolgano o intendano svolgere attività di ricerca sulla Vita religiosa.
I soci di cui al punto a) entrano a far parte del CSR su indicazione del responsabile dell'Istituto o Centro di appartenenza; i soci di cui al punto b) su indicazione del Superiore religioso responsabile e successiva approvazione del Consiglio di Presidenza (di seguito: Consiglio); i soci di cui al punto c) su richiesta personale e successiva approvazione del Consiglio.
I soci si impegnano a partecipare attivamente alla vita del CSR versando la quota annuale di iscrizione e collaborando secondo le proprie possibilità.


Art. 5 - Organizzazione

Il CSR è costituito dall'Assemblea dei soci e dal Consiglio, eletto dall'Assemblea e composto da sette membri. L'Assemblea delibera in prima convocazione a maggioranza dei soci e in seconda convocazione a maggioranza dei presenti e si riunisce in via ordinaria una volta all'anno e in via straordinaria quando il Consiglio lo ritenga opportuno. La convocazione può essere fatta anche per via telematica.
L'elezione del Consiglio avviene in un'assemblea appositamente convocata. Presente, personalmente o per delega, la maggioranza assoluta dei soci, risultano eletti al Consiglio coloro che abbiano ottenuto il maggior numero di voti. A parità di voti, risulta eletto il socio più anziano per età. Ogni socio può rappresentare per delega fino a tre altri soci.
Il Consiglio dura in carica tre anni ed elegge al suo interno il presidente, il vicepresidente, il segretario e l'economo-cassiere.
Recepite e valutate le istanze dei soci, il Consiglio studierà e proporrà le iniziative concrete per attuare le finalità del CSR. Le informazioni verranno diffuse con gli strumenti che il Consiglio valuterà più efficaci.
Il Consiglio è tenuto a redigere annualmente una relazione delle attività svolte e del bilancio economico.


Art. 6 - Approvazione

Il presente Statuto è approvato ad experimentum per tre anni.


Roma, 24 gennaio 2002.

 


CSR - Coordinamento Storici Religiosi - Segreteria / Informazioni - segreteria@storicireligiosi.it